Tra le tante idee partorite durante le pause dalle fatiche del Torneo di Fossombrone, in particolare, all'aperitivo o al caffè, al bar di Otello ne fu partorita una che non ebbe immediata concretizzazione ( "Organizzare un torneo senza bambini" per permettere ai Cavalieri del PSG di trascorrere del tempo insieme senza responsabilità né obblighi), ma con il solo obiettivo di interagire tra di loro per rinsaldare storiche amicizie lasciando spazio al “Peter Pan” che ognuno di loro ha dentro di sè e, quindi, per partorire altre grandiose idee o ”pensate”.  

Ma, quando le idee sono buone e gli amici restano "AMICI" ecco che anche l'idea rimasta a lungo nel cassetto divenne realtà. Correva l'anno 2000 e nacque così la "Convention" giunta nel 2018 all'edizione n°19 con quella del prossimo novembre ospiti illustri della Federazione Basket della Repubblica di San Marino.

La Convention, come ogni cosa, nel corso del tempo si è evoluta, è maturata, ha assunto aspetti diversi dalle notti di Kandahar vissute nell'Ostello di Castelfiorentino, alla colazione sotto la neve -successiva ad un esoso ricordo per tutti ma per qualcuno in particolare-, alle visite culturali, alla soluzione itinerante (alternando alla prestigiosa e rilassante location oltreconfine di Olimja alcune caratteristiche cittadine italiane quali Matera, Montegranaro, Ischia, Sorrento, Bovino).

Ha coniugato nel tempo la vicinanza alle persone "care" al Circuito, scomparse prematuramente, ed a quelle iniziative benefiche che abbinan cultura, sport e disabilità: così sono nati i premi FAIR PLAY "Manuela Gallicola" e quello alla figura che più esalta la Sportività intitolato a "Franco Sabaini" che vengono assegnati ad ogni singola manifestazione del Circuito, ed il connubio con "Happy Hand on the road Caserta" evento annuale, in collaborazione con Happy Hand Bologna, sull'inclusione sociale in cui si utilizzano gli sports (basket, volley, taekwondo, ippica, pattinaggio, ping pong, ecc.), i laboratori : teatrale, artistici (disegno, pittura, cucito, ecc.), culinari (pizza, tortellino) per abbattere qualsiasi barriera dove gli abili incontrano i disabili comportandosi da disabili (basket in carrozzina, sitting volley, ping pong bendati, ecc).

Insomma tutto questo, al di là della mera elencazione per i CAVALIERI di prima investitura, significa tante cose: interazione, sinergia, confronto, condivisione di idee ed informazioni, "cazzeggio", allegria, spensieratezza, nuove proposte affinché il Circuito resti sempre vivo e vissuto da tutti i fondatori con la partecipazione delle squadre di ciascuna città ad ogni torneo che resta la motivazione fondante di quello che rimane, orgogliosamente, il più grande e riconosciuto evento del Minibasket in Italia: questa è la CONVENTION.

 

Un po’ di storia:

1987    Fossombrone: Nascita dello Zoccolo Duro Minibasket

1994    Bologna: Costituzione PSG

1999    Preconvention: primo incontro PSG Mini&basket circuit con Fip a Siena (Italia-Ucraina)

2000    1° Convention. Castelfiorentino  - S.Gimignano – Siena  - CasaMasi

2001    2° Convention. Castelfiorentino – Volterra  - CasaMasi

2002    3° Convention. Castelfiorentino – Lucca – Pisa –  CasaMasi

2003    4° Convention. Castelfiorentino – Livorno   - Montaione

2004    5° Convention. Castelfiorentino – Siena - S.Galgano -  CasaMasi

2005    6° Convention. Fossombrone - Acqualagna – S.Marino

2006    7° Convention. Castelfiorentino –  S.Gimignano – Lezione tecnica – Casa Masi

2007    8° Convention. Castelfiorentino – Vinci  - CasaMasi

2008    9° Convention. Castelfiorentino – Pontedera - CasaMasi

2009    10° Convention. Matera

2010    11° Convention. Olimia (Podčetrtek, Slovenia)

2011    12° Convention. Montegranaro – Picciolo di Rame

2012    13° Convention. Olimia(Podčetrtek, Slovenia)

2013    14° Convention. Ischia

2014    15° Convention. Olimia (Podčetrtek, Slovenia)

2015    16° Convention. Sorrento

2016    17° Convention. Olimia(Podčetrtek, Slovenia)

2017    18° Convention. Bovino

2018    19° Convention. Repubblica San Marino

 

Franco Sabaini e' stato uno dei nostri piu' grandi AMICI che incarnava lo spirito dei nostri Tornei, Zoccolo Duro prima e PSG poi.

Non era un Istruttore ma era ascoltato da tutti noi, non era un medico ma con la sua valigetta curava tutte le caviglie e le piccole ferite di tanti dei nostri bambini. Era il primo la mattina ad alzarsi e a pulire i campi di Fossombrone. Era uno di noi, tutti gli volevamo bene perche' era AMICO di tutte le squadre. Non era un Cavaliere del PSG ma era per noi un piacere ascoltarlo. Ci ha lasciato un AMICO dalla generosita' infinita, troppo presto.

Ed a Lui il Circuito PSG ha voluto intitolare un PREMIO SPECIALE che viene riconosciuto alla persona che piu' ha saputo esprimere i valori di SPORTIVITA' durante i singoli tornei. 

      .  . 

ALBO CAVALIERI E SUBALTERNI

COGNOME E NOME TITOLO CITTA’
ZAMPELLA LUIGI CAVALIERE / PRESIDENTE Caserta
CHIAPPARO GIANNI CAVALIERE / VICE PRESIDENTE Varese
CUMBAT FRANCO CAVALIERE / VICE PRESIDENTE Trieste
DI BLASIO SAVERIO CAVALIERE / VICE PRESIDENTE Roseto degli Abruzzi
DI LORENZO MICHELE CAVALIERE / VICE PRESIDENTE Caserta
DE FRANCESCHI ANDREA CAVALIERE / VESCOVO Padova
FUSCO GIUSEPPE CAVALIERE / PRES. IN PECTORE Caserta/Copenaghen
SCOPAZ GIANFRANCO CAVALIERE / MAESTRO SAUNE Rabaz/Trieste
GALLICOLA EMANUELA CAVALIERE Caserta
MARROCCO MARCO CAVALIERE Varese
SABAINI FRANCO CAVALIERE Varese
CROTTI EUGENIO CAVALIERE Mestre
DEL PONTANO LUCA CAVALIERE Porto San Giorgio
FICIARA’ GIUSEPPE CAVALIERE Porto San Giorgio
GALANTE SERGIO CAVALIERE Matera
GATTAFONI STEFANO CAVALIERE Porto Sant’Elpidio
MONDINI DARIO CAVALIERE Caserta
PINELLI GIANFRANCO CAVALIERE Varese
PIRODDI GEMMA CAVALIERE Fossombrone
RIPA LORENZO CAVALIERE Porto San Giorgio
SCHIAVONE NICOLA CAVALIERE Caserta
SPERZAGNI STEFANIA CAVALIERE Trieste
BASSI GABRIELE CAVALIERE / AMBASCIATORE Trieste/Bruxelles
ANTONINI CORRADO CAVALIERE / ERRATO-IN DUBBIO Trieste
DE MASI GAETANO CAVALIERE / MISTER DAVID Caserta/Bovino
PICCOLO FRANCESCO CAVALIERE / SCRITTORE ECC. Caserta/Roma
CEDOLINI GIANNI CAVALIERE / BIKE MAN Livorno
DELL’ONTE OTELLO CAVALIERE / PASTICCIERE Fossombrone
TARQUINI TIZIANO CAVALIERE GHEPARDIANO Bologna
MONDINI GIANLUCA SCUDIERO / WEB Caserta
LUCIA STEFANIA CONTESSA DAI GUANTI BIANCHI Trieste
RAGONESI VERUSKA LADY CAFE’ SAFOR Fossombrone
FICIARA’ SARA LADY Porto San Giorgio
VALTERS VALDIS CAVALIERE Riga
CHINO TURCO CAVALIERE Trieste
CROCETTI VINCENZO CAVALIERE Varese
GALLICOLA ALESSIO CAVALIERE Caserta
LEBAN MAURIZIO CAVALIERE Trieste
MOGGI MAURO CAVALIERE Bologna
ROSSI CARLO CAVALIERE Varese
BOSCOLO ELIO SCUDIERO Venezia
BUSANA OMAR SCUDIERO IN PECTORE Daverio
DI GIANVITTORIO GIANLUCA SCUDIERO Roseto degli Abruzzi
DI GIANVITTORIO PIERPAOLO SCUDIERO Roseto degli Abruzzi
MAINO CRISTIANO SCUDIERO I.P./ MAESTRO MUSICO Varese
MASSALIN MATTEO SCUDIERO Trieste
MONDINI MARIO SCUDIERO Caserta
PERNA TONY SCUDIERO Trieste
PONGA MARCO SCUDIERO Trieste
TRANSI ANDREA SCUDIERO Trieste
DI BLASIO VINCENZO SCUDIERO Roseto degli Abruzzi/Roma
DI MATTEO GIANMARCO SCUDIERO Caserta
FICARRA ROBERTO SCUDIERO Matera
FRIGO LUCA SCUDIERO Vicenza
LAUIDISIO DAVIDE SCUDIERO Caserta
QUINTO FILIPPO SCUDIERO  
RUSSO ANTONELLO SCUDIERO Caserta
VALENTINI ENRICO SCUDIERO Vicenza
ZITO ANDREA SCUDIERO Roma
PAVONE MARIO AMBASCIATORE Caserta
RENZO LILLO AMBASCIATORE Casapulla

 

"Ci hai lasciato troppo presto, ma tra le grida festose dei nostri bambini che giocano a Minibasket, si percepisce ancora la Tua voce"

Manuela Gallicola era l'Istruttrice per antonomasia, la "Mamma" per tutti i bambini, un "Esempio" per noi Istruttori, una "Garanzia" per tutte le famiglie che hanno avuto la fortuna di incrociare la Sua strada che solo una tragedia ha portato via dal Suo percorso terreno.

Il premio FAIRPLAY istituito dal Circuito PSG viene riconosciuto alla squadra che piu' si distingue per "correttezza" nei nostri Tornei. 

 

Giuseppe e Giorgia, i Suoi figli, ed il marito Mario ricordano Manuela raccontando tre "spaccati" della Sua vita.

"Alle ore 23,30 di una serata invernale, mentre eravamo intenti a consumare la nostra cena (sempre a quell’ora perché l’intensa giornata di Emanuela si concludeva nelle ore serali, dopo la giornata lavorativa in banca ed il giro delle palestre), assistiamo, nel giro di pochissimi secondi, alle seguenti scene: squilla il telefono, risponde, infila il cappotto, dice di non preoccuparci, tornerà fra poco.

Eravamo abituati alla Sua irruenza, alla Sua iperattività: non ci preoccupammo davvero e continuammo la nostra serata.

Ovviamente, la rivedemmo l’indomani mattina ed anche i successivi giorni continuammo a seguire gli eventi connessi, appassionandoci e partecipando perché Lei riusciva a farci appassionare ad ogni Sua iniziativa.

Ebbene, quella sera, a seguito di una telefonata di una mamma di un Suo “bambino” (così amava chiamare tutti i Suoi miniatleti, anche quando avevano raggiunto l’età adulta….), era uscita a cercare quel “bambino” ormai diciassettenne che, con “l’aiuto” di strane sostanze, cercava di superare prove durissime, che la vita gli aveva riservato.

Furono tre mesi di lotta estenuante, ovviamente senza tralasciare gli altri Suoi impegni ( in primis il minibasket), ma un pomeriggio tornò a casa sfoderando un sorriso illuminante ( di quelli che noi non dimenticheremo mai) e ci disse che ce l’aveva fatta.

Noi, conoscendoLa, non avevamo mai avuto alcun dubbio.

Oggi, quel Suo “bambino” ha una splendida famiglia  ed è un prestigioso professionista. 

Mario, Giorgia e Giuseppe 

 

"La Sua gioia nell’organizzare a casa la serata inaugurale del Torneo, che oggi è intitolato alle “Quattro Stelle”. La Sua felicità nell’accogliere gli amici del PSG provenienti dalle varie regioni, la Sua forza, la Sua passione nell’organizzare il Torneo e partecipare ai Tornei in giro per l’Italia, la Sua simpatia e la Sua socievolezza che coinvolgevano tutti nelle Sue iniziative ( i genitori in primis……).

Giorgia e Giuseppe

 

Il suo ultimo biglietto: “per favore firma i trasferimenti dei bambini”. Lo trovai quella maledetta domenica mattina sul mio comodino e che, ovviamente, conservo gelosamente.

Prima di partire per Potenza, quando tutta la famiglia dormiva ancora, lasciò quel messaggio indirizzato a me, che indegnamente avevo sostituito alla presidenza del “Città di Caserta”.

Prima di partire, con la squadra, all’alba di quella domenica di novembre, pensò ancora una volta ai Suoi “bambini”, gli U14 che dovevano trasferirsi dal Suo amato “Città di Caserta” alla Juvecaserta.

Mario

 

La versione aggiornata del Sito e' in linea. 

Le pagine sono in aggiornamento con il resoconto dei tornei del Circuito che ha visto il gran finale con la 25.ma edizione del Torneo Don Marzari a Trieste e con le anticipazioni della prossima Convention .... oltre alla nostra Storia e ai nostri "AMICI"